Vicenza, Sabato 18 Settembre 2021

>> Anno 2009

Fallimenti - Indagine ISTAT 2007 - Numeri, Durata, Dati medi per procedura, Compensi dei curatori per regione

Allegati:
Scarica questo file (IndagineIstat2007_IlCaso.pdf)IndagineIstat2007_IlCaso.pdf[ ]20551 kB
di Giuseppe Rebecca ed Elisa Pillon
portale IL CASO.it, Sezione II - Dottrina, opinioni e interventi, documento n. 185/2009

In questo articolo si analizzeranno i dati relativi ai fallimenti, suddivisi per area geografica e attività economica per gli anni 2006 e 2007, così come risulta dalle statistiche Istat 2009 . Verranno inoltre esaminati, per i fallimenti chiusi nel 2007, la durata media, i volumi di attivo e passivo delle procedure, gli ammontari dei crediti privilegiati, i compensi dei curatori e altre spese sostenute per lo svolgimento delle procedure fallimentari analizzando i dati per singola Regione. Qualche dato in sintesi – Crollo dei fallimenti dichiarati: -40,52% rispetto al 2006; 6.062 fallimenti dichiarati nel 2007 contro i 10.192 del 2006. Nello stesso periodo sono aumentati i fallimenti chiusi, passando da 12.000 a 13.000 (quasi +6% rispetto al 2006). I fallimenti durano oltre 8 anni, ed è una durata in costante aumento; in Calabria sono durati più di 12 anni, nel Trentino Alto Adige ormai da più anni la durata è tra i 5 e 4 anni. La percentuale dell’attivo sul passivo è sempre inferiore al 20%, e la perdita effettiva per i creditori, spese comprese, è sempre dell’85% circa. I creditori privilegiati sono sempre più di 1/3 del totale creditori. La percentuale di retribuzione del curatore è di poco superiore al 5% dell’attivo, mentre le spese complessive sono del 23,3% dell’attivo. Il compenso del curatore è sempre meno di 100 Euro al mese con delle variazioni regionali significative: da oltre 200 Euro al mese in Trentino Alto Adige, a 30 Euro al mese in Basilicata. Una differenza abissale. (...)

Stampa