Vicenza, Sabato 18 Settembre 2021

>> Anno 2009

Il conflitto d'interessi nelle società di revisione contabile

Allegati:
Scarica questo file (ConflittoInteressi_ICV.pdf)ConflittoInteressi_ICV.pdf[ ]4242 kB
di Moira Marchetti
Il Commercialista Veneto, N. 192 - Novembre/Dicembre 2009 

In questo articolo tratterò delle ipotesi di conflitto di interesse che si possono manifestare nell’esercizio dell’attività di revisione contabile. In via generale, il conflitto d'interessi è giuridicamente rilevante, secondo quanto previsto dal Testo Unico delle disposizioni in materia di inermediazione finanziaria (parte V, titolo I, capo III-IV, artt. 175 e seguenti del TUIF):a) in quanto situazione statica che, di per sé, non consente di tutelare l’ interesse di un altro soggetto e a cui pertanto occorre reagire; b) in quanto situazione dinamica, cioè di potenziale contrasto di interessi, che rileva quando si viene a creare una lesione (danno o pericolo di danno) dell’interesse dell’altro soggetto. La dottrina, inoltre, è solita distinguere tra: conflitto di interessi estrinseco e intrinseco. Quest’ ultima fattispecie racchiude anche: l’insider trading (art. 180 TUIF) e l’aggiotaggio (art. 181 del TUIF). Oggetto dell’analisi è il rapporto di agency tra società di revisione e società conferente l’incarico. L’agent, anche nelle persone degli esponenti aziendali e dei soggetti responsabili della revisione, è portatore di interessi conflittuali, ognuno dei quali rappresenta una potenziale ipotesi di conflitto di interesse, nell’ambito dell’attività di revisione contabile. (...)

Stampa