Vicenza, Sabato 18 Settembre 2021

>> Anno 2009

La "nuova" revocatoria delle rimesse bancarie. Una ipotesi di soluzione alla evidente antinomia degli articoli 67 e 70 Legge Fallimentare

di Giuseppe Rebecca e Giuseppe Sperotti
Il Diritto Fallimentare e delle società commerciali, Annata LXXXIV, n.5 - Settembre/Ottobre 2009

In questo articolo tratteremo di un tema molto specifico: la “nuova” revocatoria delle rimesse bancarie, e formuleremo due ipotesi di possibile soluzione alla difficile coesistenza tra gli articoli 67 e 70 L.F. che si applicano, nella nuova formulazione, per i fallimenti dichiarati dal 17 marzo 2005. Tra il 2005 e il 2006 l’argomento è stato oggetto di molte analisi da parte della dottrina; successivamente è un po’ calato l’oblio e il disinteresse. E ciò è un po’ anche colpa dei curatori fallimentari che fino a questo momento pare abbiano intrapreso solo poche azioni revocatorie (indagine Assonime). Ci si augura che anche per questa “nuova” revocatoria non siano necessari oltre 60 anni di faticosi approfondimenti, da parte della dottrina e della giurisprudenza, per arrivare ad una conclusione che, per la normativa precedente, era ancora nemmeno del tutto soddisfacente. Il dimezzamento del periodo di riferimento (da un anno a sei mesi) ha comportato, questo sì, una riduzione molto più che proporzionale di quanto revocabile, ma non per questo la revocatoria è sparita del tutto. Per quanto concerne l’interpretazione delle norme, poi, non c’è ancora nulla di definitivo, di consolidato. La giurisprudenza, scarna, non appare ancora appagante, e le problematiche non mancano. Si tratta, come si vedrà, di un vero e proprio puzzle, ma alla fine si riuscirà necessariamente a comporlo. (...)

Stampa